Notizie dal Comitato Nazionale

Votazione LRTV: polemiche e bugie

Approfittando della prossima votazione sulla nuova legge radio Tv, l’Unione Svizzera delle arti e dei mestieri (USAM) spalleggiata dagli editori, sta conducendo una vera e propria campagna contro la SSR. L’SSM ha pertanto deciso di prendere parte attiva in difesa del servizio pubblico radio televisivo. Abbiamo pertanto indetto un concorso per raccogliere idee innovative per corti, cartoons, spot che promuovano il sì alla revisione della LRTV. I contributi saranno pubblicati sui social media. Il bando di concorso lo trovate sul nostro sito

Cosa c’entra il servizio pubblico con la votazione sulla LRTV?

La posta in gioco per la SSR – e di conseguenza per tutte le collaboratrici e i collaboratori – è molto alta. Nel 2015 non si voterà unicamente per un nuovo sistema di incasso del canone. Infatti la Commissione federale dei media redigerà un rapporto sul servizio pubblico. La discussione sarà decisiva per la SSR, poiché si deciderà quanti e che tipo di programmi potranno ancora essere prodotti in futuro. Gli ambienti legati agli editori cercano già oggi di indebolire politicamente la SSR, così da rafforzare i loro interessi economici in ambito mediatico. Per queste ragioni il risultato della votazione influenzerà la battaglia sul servizio pubblico. Se la nuova LRTV dovesse venire respinta, per la SSR sarà ancora più difficile difendersi da un’erosione del servizio pubblico.

Fatevi sentire – chiedete la parola

La SSR è tenuta a dare un’informazione corretta e neutrale. Le possibilità di intervento legate alla LRTV sono tendenti allo zero. Tuttavia tutte le collaboratrici e i collaboratori della SSR sono anche cittadine e cittadini di questo paese e hanno il diritto di esprimere la propria opinione e di lottare per i propri interessi.
Spiegate al vostro entourage, perché un „sì alla LRTV“ è giusto e importante. Gli argomenti per un sì li trovate raccolti in un dossier sul nostro sito.

L’SSM è convinto che la revisione della LRTV sia da accettare.

 

 

 Lasciare un commento

Ihr Kommentar

Bitte füllen Sie alle Felder aus.
Ihre E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht.

 

FacebookTwitter
Menü

Altre lingue

Rumantsch

English 

Pubblicazioni

Edito (tedesco)
Edito (francese)

Ricerca