L’SSM rivendica una convenzione ONU per la sicurezza dei professionisti e delle professioniste dei media

Zurigo, 2 novembre 2022 – In occasione della «Giornata mondiale per porre fine all’impunità per i crimini contro i giornalisti» il Sindacato svizzero dei mass media SSM rinnova il suo appello per maggiori misure di protezione e sicurezza per i professionisti e le professioniste dei media. Insieme alla Federazione internazionale dei giornalisti (FIG) invita la comunità internazionale, i governi, gli operatori dei media e i gruppi mediatici a sostenere l’adozione della Convenzione ONU per la sicurezza e l’indipendenza dei professionisti dei media.

Giornalisti e giornaliste, sindacati dei media, associazioni, federazioni e organizzazioni non governative di tutto il mondo sottoscrivono la rivendicazione di una nuova convenzione ONU per migliorare la protezione, la sicurezza e l’indipendenza degli operatori dei media. La campagna per un nuovo accordo internazionale vincolante per la sicurezza dei giornalisti e delle giornaliste è stata lanciata ufficialmente in occasione della 51a riunione del Consiglio per i diritti umani dell’ONU a Ginevra. La Giornata internazionale per porre fine all’impunità dei crimini contro i giornalisti proclamata dalla ONU acquisisce sempre più importanza – anche in Svizzera.

Recentemente, anche in Svizzera si è visto che la sicurezza dei professionisti e delle professioniste dei media può essere minacciata. Per tutelare gli operatori dei media nello svolgimento del loro importante lavoro per la società, è fondamentale poter ricorrere a misure adeguate. Su tale necessità vi è unanimità anche a livello nazionale, come dimostra l’iniziativa congiunta dell’Ufficio federale della comunicazione, (UFCOM), dell’SSM, e dei rappresentanti del settore dei media per elaborare un Piano d’azione nazionale per la sicurezza dei professionisti dei media in Svizzera (PAN).

L’impegno della Svizzera per la sicurezza e la protezione dei professionisti e delle professioniste dei media è lodevole. Ciononostante, la FIG e l’SSM lanciano un appello per la sottoscrizione di un nuovo accordo internazionale, volto a colmare una lacuna creando uno strumento internazionale vincolante. Solo così gli Stati membri potranno essere obbligati a indagare sui crimini commessi contro i giornalisti e a garantire la sicurezza di chi opera in questo settore.

 

 

 Lasciare un commento

Ihr Kommentar

Bitte füllen Sie alle Felder aus.
Ihre E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht.

 

FacebookTwitter
Menü

Altre lingue

Rumantsch

English 

Ricerca