Comunicato stampa – Settore dei media: le associazioni dei giornalisti raccomandano al Consiglio nazionale di respingere l’iniziativa «No Billag»

Giovedì 14.09.2017 il Consiglio nazionale discuterà l’iniziativa «No Billag». Le tre associazioni nazionali di giornalisti e professionisti dei media – syndicom, SSM e impressum – chiedono unanimi il rifiuto dell’iniziativa e la rinuncia ad un’eventuale controproposta. La cancellazione o la riduzione delle imposte limiterebbe radicalmente l’offerta giornalistica in Svizzera e avrebbe conseguenze disastrose per la società e la democrazia stessa.

Sia i due sindacati dei giornalisti syndicom e SSM sia l’associazione dei giornalisti impressum si pronunciano a favore del mantenimento del servizio pubblico dei media nella sua misura attuale. Dunque le tre organizzazioni rifiutano l’iniziativa «No Billag». Se venisse limitato il finanziamento statale del servizio pubblico, i privati non metterebbero a disposizione gli stessi mezzi per un giornalismo indipendente ed una produzione audiovisiva. Anche già solo per questo va mantenuto il servizio pubblico dei media.

Una riduzione del canone per le economie domestiche di tipo privato e le collettività non apporterebbe nulla alla stampa privata e al giornalismo. I privati non potrebbero compensare nemmeno una riduzione parziale delle risorse, soprattutto in considerazione dell’attuale crisi nell’economia privata dei media. Ecco perché le associazioni dei giornalisti rifiutano anche un’eventuale controproposta sulla riduzione del canone.

Ulteriori informazioni:
Stephanie Vonarburg, segretaria centrale syndicom, 079 773 40 53
Melanie Berner, responsabile politica dei media SSM, 076 441 52 42
Urs Thalmann, direttore di impressum, 076 420 26 56

 

 

 

 

 Lasciare un commento

Ihr Kommentar

Bitte füllen Sie alle Felder aus.
Ihre E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht.

 

FacebookTwitter
Menü

Altre lingue

Rumantsch

English 

Ricerca